16 Settembre 2019
[]

linea at

L’azione dell'inibitore dell’ureasi, funzionamento dell’urea inibita con Limus®
I prodotti Air Tek inibiscono l’attività dell’ureasi per un certo periodo di tempo riducendo la volatilizzazione dell’Ammoniaca NH3

Limus® è l’inibitore dell’ureasi sviluppato e brevettato da BASF che rallenta l’attività dell’enzima ureasi riducendo drasticamente la volatilizzazione dell’ammoniaca con conseguente minor impatto ambientale. Per questo motivo Belor Toscana si è affidata alla tecnologia Limus®, dando vita alla nuova linea di prodotti AIR TEK.
Infatti Limus® è considerato uno degli inibitori dell’ureasi più efficaci al mondo sia in termini di stabilità che di efficienza.


Distribuzione Air Tek in campo
L’ enzima ureasi presenta un sito di attivazione che lega l'urea e in presenza di umidità la trasforma in biossido di carbonio e ammoniaca rendendo così il sito di attivazione nuovamente disponibile per la trasformazione di una nuova molecola di urea. II compito dell’inibitore dell’ureasi è occupare il suddetto sito di attivazione dell’ureasi per un certo periodo di tempo, impedendo la volatilizzazione dell’ammoniaca, aumentando di fatto la quota di azoto disponibile per le colture!

Perché Belor Toscana ha scelto l'inibitore Limus®
Tutti gli Enzimi Ureasi non sono identici!

L’ureasi è un enzima prodotto dalle piante e dagli organismi del terreno che può variare in funzione della sua origine, dei batteri e dei funghi che lo popolano e lo formano; quindi con tipologie diverse di terreni abbiamo differenti enzimi ureasi. Ne consegue che gli enzimi ureasi differiscono per la loro struttura, per le loro dinamiche e per la velocità nel processo di idrolisi dell'urea

Per inibire enzimi diversi occorrono inibitori diversi!
Infatti Limus®, l'inibitore da noi scelto per la Linea AIR TEK combina l'efficacia di due diversi inibitori: triammide N-butil-fosforica (NBPT) e triammide N-propil-fosforica (NPPT) nella proporzione di 3 a 1.
La linea di prodotti AIRTEK potenziati con l'inibitore Limus®, sviluppato e brevettato da BASF, unendo l’azione sinergica di NBPT e di NPPT, riduce drasticamente, per un certo periodo di tempo, le perdite per volatilizzazione dell’ammoniaca in atmosfera perché riesce a intercettare e inibire il maggior numero possibile di enzimi ureasi con strutture diverse. Quindi aumenta di fatto la disponibilità dell’azoto per le colture.

siti web by www.ideositiweb.it